Siracusa, muore in ospedale: indaga la procura

SIRACUSA. Sarà l'autopsia, prevista per lunedì prossimo, a dare le prime indicazioni agli inquirenti per fare luce sulle circostanze della morte di Gregorio Cannizzo, un bracciante in pensione di 74 anni, di Francofonte, centro agrumicolo del Siracusano, morto all'ospedale Umberto I di Siracusa lunedì scorso, mentre veniva sottoposto ad intervento chirurgico per la rimozione di un peacemaker che gli era stato impiantato due giorni prima nello stesso nosocomio.    Sulla morte del pensionato la procura ha avviato un'indagine dopo la demnuncia fatta dal legale dei familiari della vittima, l'avvocato Santi Terranova. L'indagine, avviata dal sostituto procuratore Marco Bisogni, e ora condotta dal pm Antonio Nicastro. I magistrati hanno subito disposto il sequestro delle cartelle cliniche sia all'ospedale di Siracusa che in quello di Lentini.    La vicenda ha avuto inizio la sera della vigilia di Natale: Gregorio Cannizzo dopo aver accusato forti dolori al torace venne trasferito all'ospedale di Lentini dove gli sono state prestate le prime cure ed è stata formulata la diagnosi di infarto cardiaco. Stabilizzato il paziente, nell'arco della stessa notte è stato trasferito all'Umberto I, dove è stato sottoposto a intervento per il posizionamento di un peacemaker.    Il decorso del paziente è apparso confortante e lunedì scorso è stato riportato in sala operatoria per la rimozione del pacemaker. Durante l'intervento - secondo la ricostruzione fatta dai familiari nella denuncia -, l'uomo è morto.    La Procura ha nominato tre consulenti; anche i familiari hanno indicato il proprio. Lunedì, dopo il formale conferimento dell'incarico ai periti, verrà effettuata l'autopsia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati