Pedopornografia on line, indagini in 11 città

L’inchiesta della polizia postale di Catania. Perquisizioni anche a Siracusa. Arrestato un pensionato di 64 anni a Bologna

CATANIA. Un pensionato di 64 anni arrestato a Bologna in flagranza di reato e perquisizioni domiciliari a 14  indagati in 11 città italiane: è il bilancio di un'operazione  contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet  della polizia delle Comunicazioni di Catania. L'inchiesta è  coordinata dal sostituto procuratore Rocco Liguori. Secondo l'accusa, i 15, utilizzando il programma peer-to-peer  denominato E-mule, acquisivano e diffondevano in rete video di  pornografia minorile. Nell'ambito delle indagini agenti della  polizia postale di Catania hanno agito sottocopertura sul web,  autorizzati dalla Procura, dove opera un gruppo specializzato di magistrati coordinato dal procuratore aggiunto Marisa Scavo, con il coordinamento del Centro nazionale di contrasto della  pedo-pornografia on-line (Cncpo) di Roma.  Le città interessate dalle perquisizioni sono state:  Siracusa, Messina, Bologna, Pistoia, Cagliari, Venezia, Taranto,  Roma, Rimini, Brescia, Como e Cuneo. L'arrestato è un bolognese  nel cui computer la polizia ha rinvenuto migliaia di file video  e immagini pedo-pornografici.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati