Il Palermo che fa sognare, l'analisi di Angelo Morello