Emergenza randagi a Gela, una donna aggredita

Negli ultimi mesi, a Manfria, un branco di trenta cani avrebbe provocato diversi incidenti

GELA. Emergenza cani randagi a Manfria, una frazione di Gela, dove trenta cani stanno creando diversi problemi ai cittadini. Negli ultimi mesi, come riportato nell'edizione di Caltanissetta del Giornale di Sicilia in edicola oggi, si sono verificati diversi casi legati a questo problema. Nei giorni scorsi, ad esempio, una donna è stata assalita da dieci animali, mentre stava raggiungendo la sua abitazione, riportando fortunatamente lievi ferite nel corpo.
Sono state presentate diverse denunce all’assessore alla viabilità urbana, Orazio Rinelli, ma «non ha ancora preso provvedimenti», ha detto il presidente del comitato di Manfria, Maurizio Cirignotta, vittima anche lui qualche giorno fa di un’aggressione da parte dei randagi. Quanto al servizio di accalappiacani, Cirignotta afferma che «era stato avviato recentemente, ma a quanto sembra è nuovamente sospeso».
Un altro caso di randagismo ha riguardato una donna che è stata assalita da un cane mentre era in sella a un motorino. La donna, nel perdere il controllo del mezzo è scivolata per terra, riportando vari danni fisici e materiali. Su questa vicenda, la famiglia ha deciso di procedere legalmente contro l’ente, attraverso l’avvocato Emanuele Maganuco. Lo scorso marzo, il Comune è stato condannato a risarcire i danni, per aver omesso di esercitare il potere di controllo e vigilanza sul territorio e di provvedere alla cattura dei randagi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati