Emergenza rifiuti a Palermo, in azione le pale meccaniche

Strade invase dall'immondizia sia in centro che in periferia come nei quartieri Resuttana, San Lorenzo, Arenella e Cruillas. Cassonetti incendiati nella notte

PALERMO. Continua l'emergenza rifiuti a Palermo. L'Amia, in difficoltà per la rottura di un trituratore, prosegue la raccolta ordinaria e ha messo al lavoro da questa mattina anche i mezzi con pale meccaniche e benne per rimuovere i cumuli di spazzatura che hanno invaso soprattutto le periferie della città.     
Sono molte però ancora le zone in cui i cassonetti sono sommersi dai rifiuti che si ammassano anche per le strade. Nelle traverse di via Maqueda e nella zona Oreto e Corso dei Mille la situazione rimane critica, come nei quartieri Resuttana-San Lorenzo, Arenella e Cruillas. A complicare il lavoro degli spazzini anche il vento degli ultimi giorni che ha spinto sulle carreggiate i rifiuti abbandonati nei punti di raccolta. In questa situazione, si moltiplicano gli incendi di cassonetti e la notte scorsa diversi roghi sono divampati in viale Regione Siciliana e nella zona di Corso dei Mille.     
L'Amia assicura che domani mattina rientrerà in funzione il trituratore Unieco che può lavorare circa 500 tonnellate  di rifiuti al giorno che si sommano alle mille elaborate dal Mammut, l'apparecchio preso a noleggio dall'azienda.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati