“Dammi i soldi e ti sposo”, prostituta indagata a Caltanissetta

Da tre anni la donna continuava a chiedere denaro a un suo cliente con la falsa promessa di matrimonio. L'uomo denuncia e scatta la trappola per la lucciola

CALTANISSETTA. Matrimonio in cambio di denaro. È la falsa promessa fatta più volte da una prostituta ai danni di un cliente che, a quanto pare, si sarebbe invaghito di lei. La storia finisce quando lui, stanco di aspettare, finge di cedere all'ennesima richiesta di soldi, rivolgendosi prima ai carabinieri. Così la meretrice cinquantasettenne, C.V., assistita dall'avvocato Dino Milazzo, è stata inscritta nel registro degli indagati con l'accusa di circonvenzione d'incapace. È accaduto in via Firenze, nel vecchio cuore del rione Provvidenza, di Caltanissetta dove la donna abitava ed esercitava.
L'uomo, trentasettenne, conosceva la donna già da tre anni e aveva iniziato a frequentarla da cliente. Dopo qualche incontro, però, lei si sarebbe accorta del probabile infatuamento e facendo leva su questo, gli avrebbe proposto di intraprendere una relazione, chiedendo qualcosa in cambio. “Prima ci fidanziamo e poi ci sposiamo”, gli avrebbe detto e la prima “rata” sarebbe stata di duemila e cinquecento euro. Complessivamente sarebbero stati chiesti circa ottomila euro per un rapporto amoroso stabile. Ma nonostante i soldi che l'uomo man mano consegnava, la promessa rimaneva tale. 
La trappola scatta a metà giugno, quando l'uomo ad una nuova richiesta di denaro, si rivolge ai carabinieri, raccontando l'accaduto e ripercorrendo tutte le tappe della storia. Di concreto, secondo la tesi accusatoria, ci sarebbero state solo le richieste di quattrini. Per incastrare la donna, i carabinieri fotocopiano tre banconote da cento euro affinchè l'uomo le consegnasse alla “lucciola” nel momento della richiesta. Così, subito dopo è andato a casa di lei. I militari si sono appostati fuori casa e nel momento in cui l'uomo è uscito, lo hanno bloccato entrando in casa per un'ispezione e trovando quelle stesse banconote fotocopiate in caserma.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati