Ancora un guasto a Bellolampo, nuova emergenza rifiuti in vista

Si è rotta la macchina che consente di gestire 500 tonnellate al giorno. Nel fine settimana potrebbero formarsi altri cumuli di immondizia

PALERMO. Guasti senza fine a Bellolampo. Proprio quando sembrava che l’ìmpianto potesse funzionare regolarmente si è rotto, a quanto pare senza rimedio, il tritovagliatore di Unieco che serve a gestire cinquecento tonnellate al giorno, ovvero la metà dell’intera produzione giornaliera. Il risultato? Una nuova emergenza all’orizzonte, visto che cumuli di rifiuti non verranno rimossi. Il commissario di Amia Sebastiano Sorbello, come si legge in un articolo di Giancarlo Macaluso sul Giornale di Sicilia di oggi, ha inviato una lettera molto dura a Unieco che, secondo il contratto, dovrebbe garantire il servizio. Tuttavia non basterebbe un semplice intervento poiché la macchina sembra guasta irrimediabilmente e andrebbe dunque sostituita. Intanto, i vertici dell’azienda non nascondo il loro malumore nei confronti delle istituzioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati