Palermo, fermati 4 presunti nuovi capi cosche

I boss di Resuttana, Tommaso Natale e Partanna Mondello sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione. A riscontro dei dati emersi dall'inchiesta anche le dichiarazioni di diversi pentiti

Sicilia, Cronaca

PALERMO. I carabinieri del Comando provinciale di Palermo e la Direzione Investigativa Antimafia hanno fermato quattro presunti capimafia dei clan palermitani di Resuttana, Tommaso Natale e Partanna Mondello accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione.
Il provvedimento, disposto dalla Dda di Palermo, nasce da un'indagine che ha consentito di individuare i nuovi vertici e l'assetto dei mandamenti mafiosi della città. A riscontro dei dati emersi dall'inchiesta anche le dichiarazioni di diversi pentiti.
Il fermo, che è un provvedimento d'urgenza, si è reso necessario perché c'era il concreto pericolo, secondo l'accusa, che i quattro mafiosi fuggissero.
Gran parte dei commercianti vittime del pizzo hanno ammesso le richieste degli estortori e hanno collaborato con gli investigatori fornendo ulteriori spunti di indagine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati