Il senso di abitudine all'illegalità

Il commento: "Non sono palermitano ma vivo a Ballarò da 5 anni. Ecco quel che vedo giorno dopo giorno"

Non sono palermitano ma vi vivo da 18 anni e da 5 a Ballarò. Sono riuscito ad abituarmi a tutte le forme di illegalità che mi cirondano dallo spaccio di droga, allo sfruttamento del lavoro minorile, agli allevamenti di cavalli  per corse clandestine in piccoli magazzini angusti, ai parcheggiatori estortori, al reciclaggio di moto/auto rubate, all'evasione fiscale etc.etc. Tutto palese e alla luce del sole e malgrado mi sia rivolto agli organi competenti, "informalmente" mi è stato risposto che vi sono dinamiche che non posso capire...sarà! Un'altra cosa che non capisco, ma alla quale mi sto abituando, è vedere i tanti turisti fotografare una grandissima discarica nel tragitto tra San Giovanni degli Eremiti e il mercato Ballarò-Casa Professa (via Castro) tra le più trafficate da questi. Forse anche in questo caso ci sono dinamiche che non posso capire, come non riesco a capire come mi sono affezionato a questa città e a questo quartiere, forse il nostro spirito di adattamento e il limite di tolleranza e di rassegnazione non ha limiti? Aiutatemi a capire...grazie!  
Christian Campione

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati