Giampaolo: "Non firmo per un pareggio contro il Napoli"

CATANIA. Carboni e Ledesma out, Delvecchio titolare, Llama convocato a sette mesi di distanza dall'ultima apparizione. Cambiano le carte in tavola a disposizione di Marco Giampaolo per la sfida interna con il Napoli, ma non muta l'atteggiamento dell'allenatore rossazzurro alla vigilia di una gara in cui gli etnei cercano di rialzarsi dopo il passo falso di Lecce.    "Abbiamo analizzato la partita con i salentini - spiega il tecnico, presentatosi alla conferenza stampa della vigilia con un inedito paio di baffi - per correggere i nostri errori, ma ogni gara, nel bene e nel male, va dimenticata subito. Bisogna guardare avanti e pensare a migliorarsi sempre. La squadra sta lavorando per assimilare concetti nuovi, sono molto soddisfatto della disponibilità e dell'applicazione mostrate dai ragazzi".   


Il Napoli si presenta al Massimino lanciato dal secondo posto in classifica e Giampaolo mostra di tenere nella massima considerazione i prossimi avversari: "Premesso che non firmo mai per un pareggio perché non so neppure cosa significhi una frase simile - afferma l'allenatore - va ricordato che la squadra di Mazzarri vanta il miglior attacco del campionato e l'attuale capocannoniere. Cavani, Hamsik e Lavezzi sono molto bravi a ritagliarsi gli spazi in avanti, trovare le contromisure giuste per arginarli sarà una delle chiavi tattiche dell'incontro".     Novità forzate in formazione per Giampaolo. Carboni e Ledesma, allenatisi a ritmo ridotto per l'intera settimana, non hanno smaltito i rispettivi problemi fisici e sono rimasti fuori dalla lista dei ventidue convocati.


A centrocampo troverà quindi spazio Delvecchio, alla prima uscita stagionale da titolare: "E' un giocatore - sottolinea il tecnico - che mi fornisce ampie garanzie. Ha grande esperienza e sa interpretare bene le partite".    Fa parte del gruppo anche Cristian Llama, tornato a disposizione a distanza di 7 mesi dall'intervento per la ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro effettuato lo scorso 17 marzo: "Sono molto contento - ha detto l'esterno sinistro argentino, che al massimo però andrà in panchina - aspettavo questo giorno fin dall'infortunio di Cagliari. Sognavo il momento del rientro in gruppo e quello del ritorno in campo. Ho lavorato molto e il momento è arrivato. Voglio condividere questa grande soddisfazione con tutti quelli che mi hanno sostenuto ed incoraggiato". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati