Il Nobel Montagnier a Palermo: "Nuova sfida battere il cancro"

Lo scopritore del virus dell'Hiv al convegno sul tema "Sani per scelta": "Le istituzioni investano e credano nella ricerca"

PALERMO.  "La nuova sfida del millennio è debellare il cancro, la malattia più diffusa al momento nel mondo. Ed è proprio contro tutte le varie forme di tumore che bisogna diffondere la prevenzione". A dirlo è il premio Nobel per la Medicina 2008 Luc Montagnier, scopritore del virus dell'Hiv, che ha preso parte al convegno sul tema "Sani per scelta" che si sta svolgendo a Palermo.    
"Come per l'Aids anche per il cancro - ha aggiunto - bisogna sferrare un attacco costante fatto di ricerca, cure e tanta informazione finalizzata a diffondere sempre più, soprattutto tra i più giovani, la cultura della prevenzione".    "Anche le istituzioni - ha precisato il premio Nobel - devono credere e investire un numero crescente di risorse sulla ricerca perché solo così si avranno a propria disposizione armi scientifiche sempre più all'avanguardia".    Per Montagnier le "battaglie" impegnative per la ricerca sono "le malattie degenerative, tipiche della terza e quarta età, come l'alzheimer e la sclerosi multipla".    
Ma la ricerca medica per il premio Nobel da sola non basta. "L'uomo deve fare la sua parte - ha precisato - non solo con la prevenzione ma anche seguendo una corretta alimentazione e praticando sport senza disprezzare gli integratori alimentari come gli antiossidanti".    
Intanto Montagnier, che ha ricevuto il premio Nobel per la medicina nel 2008, continua con i suoi studi sul virus dell'Hiv. "Non ho intenzione di andare in pensione - ha concluso - finché non si faranno ulteriori passi in avanti contro l'Aids".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati