Finanziaria al via, Lombardo: aboliremo enti che non producono nulla

Discusse le linee strategiche. Il governatore: "Una legge di fondamentale importanza, toccherà tutti i rami dell'amministrazione"

PALERMO. La giunta regionale ha discusso le linee strategiche dei documenti finanziari di accompagnamento al Bilancio.    
"La legge finanziaria che il governo sta mettendo a punto è di fondamentale importanza - ha detto il presidente Raffaele Lombardo - perché toccherà tutti i rami dell'amministrazione e prevede l'abolizione degli enti, delle aziende partecipate e la vendita dei beni che non producono nulla".    
La giunta ha deliberato la costituzione di un ufficio speciale per lo smaltimento dell'amianto che metterà insieme gli assessorati che hanno competenza in materia.  
Sono stati, inoltre, rimodulati i fondi della legge 433, che finanzia la ricostruzione delle opere interessate dal terremoto di Santa Lucia, che sconvolse la Sicilia sudorientale nel 1990. La rimodulazione consentirà di pagare le ditte che hanno svolto i lavori di recupero e restauro edilizio e architettonico. Tra gli altri provvedimenti, lo stanziamento di 11 milioni per i forestali, che ha avuto l'avallo della giunta insieme alla conferma dell'impegno della Regione a partecipare alle spese per la bonifica della baia di Augusta. Finanziati anche i corsi triennali dell'obbligo formativo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati