Legalità, progetti comuni tra province siciliane e Perugia

CATANIA. Le Provincia di Catania, Palermo e Perugia lavoreranno a un programma comune di educazione al rispetto delle leggi e delle regole sociali, riservato a scuole, associazioni culturali, cooperative sociali e a chi può dare un contributo utile a diffondere la cultura della legalità.
Lo ha annunciato il presidente della provincia etnea, Giuseppe Castiglione, a conclusione di una riunione con il suo collega umbro, Marco Guasticchi e una delegazione della sua giunta, per studiare i contenuti del protocollo che verrà siglato entro il 2010.
"Il progetto nasce con l'intento di rapportare due realtà diverse che possono crescere scambiandosi opinioni ed esperienze sul tema della legalità che al Sud assume significati diversi - ha affermato Castiglione - legalità non è solo cultura antimafia, ma un principio da applicare quotidianamente ad ogni ambito della nostra vita, con un'attenzione all'ambiente, alla salute e al rispetto dell'altro".
"La cultura della legalità non può essere il semplice risultato di una serie di regole e di proibizioni imposte autoritariamente dall'alto e fatta rispettare con misure repressive - ha dichiarato il presidente Guasticchi – al contrario è preferibile che la naturale predisposizione al rispetto delle leggi sia stimolata da un incessante lavoro educativo da iniziare fin dai primi anni della scuola".
Il prologo dell'intero progetto è costituito dalla mostra del pittore Gaetano Porcasi, autore delle opere che costituiscono il Museo della Legalità, inaugurato lo scorso agosto dal ministro degli Interni, nella casa confiscata a Provenzano nel comune di Corleone, nel Palermitano. L'esposizione proseguirà fino al gennaio 2011 a Spello dove sarà visitabile dagli studenti degli Istituti scolastici umbri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati