Processo Mori, consulenti: sconosciuto l'autore del Papello

La sola certezza dello scritto che proverebbe il tentativo di patto tra Cosa Nostra e lo Stato sarebbe quella di essere stato scritto da un'unica mano

PALERMO. Resta sconosciuto l'autore del "papello", lo scritto che proverebbe il tentativo di patto tra mafia e Stato. Del documento, analizzato dalla Scientifica, al momento, si sa soltanto che proviene da un'unica mano.  Sono le conclusioni dei consulenti della procura di Palermo, gli ispettori Maria Caria e Marco Pagano, che oggi hanno deposto al processo al generale Mario Mori e al colonnello Mauro Obinu accusati di favoreggiamento alla mafia. I due tecnici hanno esaminato 55 tra scritti attribuiti dai pm all'ex sindaco Vito Ciancimino e pizzini che proverrebbero dal Boss Provenzano. I consulenti hanno esaminato davanti al tribunale i singoli documenti tra i quali il papello.   


"Su 27 elementi di comparazione forniti - hanno detto - solo 8 erano utili, perché gli altri erano o semplici firme o scritti in corsivo, mentre il papello è vergato in stampatello". Quindi l'esame ha escluso con certezza l' attribuzione del documento solo a 8 dei soggetti analizzati. Per gli altri gli elementi di comparazione non sono sufficienti.        Tra i campioni di confronto c'erano scritti, tra gli altri, dei boss Totò Riina, Pietro Aglieri e Antonino Cinà. A don Vito è sicuramente riconducibile, invece, il cosiddetto contropapello, scritto dall'ex sindaco dopo aver letto le richieste a suo dire folli fatte da Riina allo Stato nel papello. E sempre di Vito Ciancimino, secondo i consulenti, sono tutti gli altri documenti depositati dai pm tra i quali il foglietto in cui si legge "on. Berlusconi metterà a disposizione una sua rete televisiva"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati