Caltanissetta, edilizia in ginocchio

L’allarme dell’Ance: nel 2010 in provincia bandite soltanto 19 gare il 45,71% in meno rispetto allo stesso periodo del 2009

CALTANISSETTA. Edilizia in ginocchio, un intero settore sull'orlo del baratro. La denuncia arriva dall'Ance Nissena, presieduta da Michelangelo Geraci. Numeri alla mano, l'associazione scatta una fotografia piuttosto cupa sullo stato di salute del sistema degli appalti. «Il settore dell'edilizia pubblica nel nisseno da anni in sofferenza - si legge in un documento - nel corso del 2010 ha superato i livelli di guardia con la perdita di 3 mila posti di lavoro.
A questi numeri di per sé assai significativi dello stato di recessione che il settore vive nella nostra provincia, vanno sommati quelli dell'indotto: meno lavoro per gli artigiani, per i fornitori di materie prime, per i tecnici». Per l'associazione di categoria «la crisi dell'edilizia pubblica in provincia di Caltanissetta provoca un corto circuito nel circolo virtuoso che produce benessere e crea nuove sacche di povertà».
Nel corso del 2010, «in provincia sono state bandite soltanto 19 gare per un ammontare complessivo di 22.694.717 euro, vale a dire il 45,71% in meno rispetto allo stesso periodo del 2009 quando furono bandite 35 gare».
Un servizio nell’edizione di Caltanissetta del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati