Sicilia, Qui Palermo

Chiabotto: "A vincere sarà la Juve"

La ex Miss Italia tifosissima dei bianconeri. "Auguro al Palermo di disputare un ottimo campionato, ma dalla prossima giornata"

PALERMO. Non capita a tutti di lavorare con l'idolo che si ha sin da piccoli. Cristina Chiabotto, modella e presentatrice incoronata Miss Italia nel 2004, è l'eccezione che conferma la regola. Da bambina allo stadio insieme a suo padre ammirava le gesta di Alessandro Del Piero. Qualche anno dopo se l’è ritrovato accanto in una famosa campagna pubblicitaria di un'acqua minerale, quella dell'uccellino per intendersi. «Sono juventina da sempre - racconta la Chiabotto - per via di una passione che mi ha trasmesso mio padre, anche lui tifoso bianconero storico. Fin dall'età di otto anni mi portava allo stadio a vedere le partite e così è sbocciata in me questa bella fede».
Al «Delle Alpi» ha visto giocare campioni del calibro di Zidane, Trezeguet, Vialli, Ravanelli e chi più ne ha più ne metta. Ma il suo cuore fin dal primo giorno ha battuto solo per lui: Alessandro Del Piero. «Fin dall'esordio è sempre stato il mio idolo - spiega Cristina - e quando anni dopo mi sono ritrovata a lavorare con lui è stata una grandissima emozione. Per me il simbolo della Juve resta sempre Alex». Anche per il capitano bianconero non deve essere stato un grosso sacrificio lavorare con lei. Piemontese doc (Moncalieri il suo paese di origine), alta 1,82, occhi azzurro mare, capelli castano scuro, la ventiquattrenne Cristina Chiabotto, dopo aver vinto a 18 anni Missi Italia, ha continuato la sua carriera come modella e presentatrice. La maglia bianconera però non è mai stata messa in soffitta, ma anzi continua ad occupare un posto importante nella sua vita. «Seguo sempre la Juve - spiega Cristina - e quando non ho impegni di lavoro improrogabili vado anche allo stadio. E se proprio non posso andare allora mi accontento della tv».
Ma stasera il suo posto sarà all'Olimpico, dove di scena c'è la sua Juve contro il Palermo di Miccoli e Pastore. «Auguro ai rosa di disputare un ottimo campionato... magari dalla prossima giornata in poi - scherza la modella piemontese -. Il Palermo ha un'ottima squadra e ricordo che lo scorso anno venne a vincere qui a Torino (2-0 per i rosa con gol di Miccoli e Budan, ndr). Noi però, dopo un inizio un po' così, veniamo dalla trasferta vittoriosa di Udine e abbiamo bisogno di continuare a vincere per non staccarci troppo dall'Inter. La nuova dirigenza ha aperto un nuovo corso acquistando diversi giocatori importanti e mi auguro che questo sia l'anno buono per tornare a vincere qualcosa che manca da troppo tempo a Torino». La versione integrale dell'articolo sul Giornale di Sicilia oggi in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati