Precari della scuola, la protesta si sposta da Palermo a Roma

Il gruppo si è unito agli insegnanti e tecnici della capitale e delle regioni del Sud. Tra i rappresentanti palermitani anche Giacomo Russo che da dieci giorni ha smesso di alimentarsi

ROMA. Hanno preso un aereo alle 8.30 del mattino da Palermo per proseguire la loro protesta nella Capitale, dove si è più vicini alla cabina di comando. Qui si sono uniti a un gruppo di insegnanti e tecnici della scuola di Roma e delle regioni del Sud: alcune decine di precari hanno partecipato a un sit-in davanti alla Camera cercando adesioni per formare un coordinamento nazionale che scenda in piazza e chieda con forza di ritirare la riforma Gelmini.     
"La scuola pubblica non si tocca, la difenderemo con la lotta", lo slogan scandito mostrando uno striscione con su scritto "Tagli alla scuola: una truffa per tutti"  a piazza Montecitorio, che nell'ultimo anno è stata teatro di molte battaglie per il posto di lavoro. In serata la protesta si sposterà in viale Trastevere, davanti al ministero dell'Istruzione, dove un piccolo gruppo intende passare la notte.    
Tra i manifestanti due precari siciliani, Giacomo Russo, ata di Palermo, in sciopero della fame da dieci giorni, e Caterina Altamore, maestra precaria alle elementari da 14 anni, che da oggi inizia l'astensione dal cibo. L'intenzione è quella di proseguire a oltranza: "fino a che il ministro Gelmini non accetterà un incontro pubblico e mi convincerà - specifica Russo - che la sua riforma farà bene alla scuola". Si tratta, assicura, non di una battaglia di una categoria, quella dei precari, ma per il futuro della scuola pubblica "e se abbiamo la forza di metterci insieme il governo dovrà cedere, perché noi siamo il Paese reale, loro sono virtuali e provvisori".    
Ad appoggiare la protesta la Flc-Cgil e i sindacati di base. "La Cgil scuola - assicura il segretario, Mimmo Pantaleo, presente al sit in - non intende adottare un atteggiamento supino. Non ci interessa quello che fanno gli altri sindacati subalterni che accettano tutto quello che ha proposto il governo". E, con un accostamento che richiama un altro fronte caldo per la Cgil, vede nell'atteggiamento del ministro Gelmini un'adesione completa al metodo dell'ad di Fiat, Sergio Marchionne, "che è quello dei licenziamenti", e teme che sia questa "la stella polare con cui Gelmini e il governo intendono affrontare i problemi della scuola pubblica".     
Sono 117.265 i docenti e 69.320 gli ata precari  (numeri relativi all'anno scolastico passato), quelli, invece, che attendo le nomine per le supplenza sono in tutto 20.000, secondo i dati della Flc-Cgil. "Il salva precari - ricorda Pantaleo - di fatto, salva solo il 16% dei docenti che l'anno scorso hanno avuto una supplenza e il 5% del personale Ata. Mentre sono 25.600 i tagli previsti dalla riforma oltre il 50% dei quali concentrati nel sud d'Italia". Il sindacato ha indetto una serie di iniziative di protesta, tra le quali assemblee aperte in tutti gli istituti per l'inizio dell'anno scolastico e un'ora di sciopero ogni quindici giorni a partire da ottobre. Il Pd, presente in piazza con un delegazione, chiede che alla riapertura delle Camere il governo ridiscuta la riforma Gelmini e prenda in considerazione il piano triennale varato dal governo Prodi che garantiva 150 mila stabilizzazioni di precari nella scuola in tre anni.     
Il Pdl, invece, liquida con poche lapidarie parole il dissenso della piazza. Giorgio Stracquadanio, parla di falsi precari e punta contro l'opposizione: "Con l'inizio dell'anno scolastico, la sinistra puntualmente ricomincia con i suoi fallimentari tentativi di agitare la piazza contro il governo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati