Reggio Calabria, bomba contro casa del procuratore generale

REGGIO CALABRIA. Un ordigno è stato fatto esplodere davanti al portone dell'abitazione del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro.    
L'esplosione ha mandato in frantumi i vetri delle finestre della casa del magistrato, che abita in un condominio, e di altre abitazioni vicine. Al momento della deflagrazione Di Landro si trovava in casa insieme alla moglie. Nessuno è rimasto ferito.
Sul luogo dell'esplosione sono giunti, per le indagini, carabinieri e polizia di Stato,  insieme al pm di turno della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. Non c'é alcun dubbio, secondo gli investigatori, che l'intimidazione sia diretta contro il procuratore generale. Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, l'ordigno, collegato ad una miccia a lenta combustione, sarebbe stato  confezionato con tritolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati