Catania, l'ex sindaco Scapagnini accusato di danno erariale

Insieme a lui altre 32 persone del suo staff. Sotto accusa l’impiego di tre “esterni” nell’ufficio stampa

CATANIA. L’ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini e ventinove assessori delle sue giunte, oltre all’ex Capo del personale Carmelo Reale,  il capo di gabinetto Salvatore Bonanno e il commissario straordinario Vincenzo Emmanuele, in carica nel 2008 dopo le dimissioni di Scapagnini da primo cittadino, dovranno rispondere di un danno erariale da 380 mila euro. L’udienza è fissata per l’8 marzo dinanzi alla Corte dei Conti. Sotto accusa, l’impiego di tre “esterni” nell’Ufficio stampa di Palazzo degli Elefanti. L’inchiesta fu aperta in seguito a un’interrogazione presentata da esponenti del centrosinistra, ma nel fascicolo della Procura è stato acquisito anche un esposto presentato da due dipendenti comunali iscritti all’Ordine dei giornalisti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati