Allarme bomba al Lourdes, ma è falso

Santuari chiusi e poi riaperti. Tra i pellegrini anche una comitiva partita da Palermo

LOURDES. Le ricerche di ordigni innescate dall'allarme bomba ai santuari di Lourdes sono terminate ed il luogo di pellegrinaggio viene riaperto: lo hanno annunciato fonti ufficiali della prefettura. L'annuncio della riapertura dei luoghi di culto è stato dato alle 16.30 dal prefetto della regione Alti-Pirenei, René Bidal.
Intanto, il sindaco di Lourdes Jean Pierre Artiganave ha confermato ai microfoni della radio France Info che l'evacuazione dei pellegrini è avvenuta "con la massima calma", grazie a "messaggi in sei lingue che sono stati diffusi invitandoli a lasciare il santuario dalle quattro uscite".
La prima preoccupazione delle unità cinofile, ha poi aggiunto, è stata di mettere in sicurezza l'area dove sono ospitati i "circa 900 malati" presenti a Lourdes, "dato che alcuni sono bloccati a letto o in sedia a rotelle". Tra i pellegrini anche una comitiva partita da Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati