La delusione per la Villa del Casale chiusa

Sono una turista che ha recentemente trascorso 10 giorni nella splendida Sicilia. La settimana scorsa, insieme ad amici, mi sono recata a Piazza Armerina per rivisitare la splendida villa del Casale e mostrarla ad alcuni di loro, che non l'avevano mai vista. La delusione è stata grande, soprattutto per il confronto con ciò che avevo ammirato in passato. Praticamente delle 43 stanze di cui il complesso si compone, ne sono visibili solo tre.
Alcuni commercianti che ancora tengono aperte poche bancarelle (la maggior parte, infatti, è stata chiusa per mancanza di visitatori), mi hanno detto che i lavori di restauro, iniziati nel 2004, avrebbero dovuto essere completati  entro il 2008. Al momento, tuttavia, tutto è rimasto fermo, senza prospettive di  prossima  riapertura.
Le scrivo per lamentare l'enorme perdita che la chiusura quasi totale della villa ha portato al turismo ed anche ai gestori di bancarelle che hanno visto sparire tutte le loro prospettive di lavoro e guadagno.
Spero venga fatto qualcosa al più presto e penso che l'onorevole Sgarbi che tanto amore nutre per l'arte e che, se non sbaglio, è anche sindaco di una cittadina siciliana, si metta una mano sul cuore e solleciti la ripresa e la fine dei lavori.
Cordialmente

Carla Signorini
Pieve di Cadore (Belluno)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati