Sanità, Russo: "Subito i concorsi per i nuovi primari"

L'assessore spinge i manager delle aziende ospedaliere a conferire gli incarichi quinquennali rimasti vacanti negli ultimi anni

PALERMO. Ripartono i concorsi nella sanita' siciliana con il conferimento degli incarichi quinquennali di direzione di struttura complessa (primariati), rimasti vacanti negli ultimi anni e non ancora coperti anche a causa del blocco parziale del turn over imposto dal Piano di rientro nel triennio 2007-2009. "Dopo la promozione a pieni voti della Sicilia da parte del tavolo ministeriale - ha spiegato l'assessore Russo - proseguiamo ora sulla strada gia' tracciata con l'obiettivo di eliminare situazioni di incertezza e precariato, velocizzare i tempi per la normalizzazione del sistema sanitario e dare la massima trasparenza possibile alle nuove nomine che dovranno essere improntate al rispetto delle norme, del merito e della competenza professionale". Per questo motivo l'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, ha scritto una nota ai dirigenti generali delle aziende sanitarie chiedendo di bandire, da subito, le procedure concorsuali ed "evitare - e' scritto nella circolare - il perdurare di uno stato di fatto di gestione delle strutture con incarichi di sostituzione che per definizione dell'articolo 18 del contratto collettivo nazionale di lavoro deve avere invece carattere temporaneo".


In pratica, in alcuni casi - per sopperire alla "vacanza" di numerosi primari - le aziende negli ultimi anni hanno fatto ricorso a costituzioni temporanee secondo quanto previsto dall'articolo 18 (riguardante le sostituzioni, prevede una durata dell'incarico di sei mesi, prorogabile a un anno in attesa dell'espletamento delle procedure concorsuali) o anche con l'articolo 15 septies (contratto a tempo determinato, fino a un massimo di cinque anni, da assegnare a figure di particolare e comprovata qualificazione professionale entro il limite del 2% della dotazione organica). L'avvio dei concorsi, che deve comunque essere valutato e autorizzato dal Dipartimento di pianificazione strategica dell'assessorato, riguardera' le figure professionali necessarie a garantire, a regime, la guida di unita' operative complesse vacanti e che sono previste dagli atti aziendali e dalle piante organiche che le aziende dovranno inviare in assessorato entro il 31 di agosto. Sara' compito dei manager quello di verificare se a livello aziendale esistono figure professionali in esubero interessate a essere ricollocate nei posti vacanti che saranno oggetto del concorso.

 
"Giorno dopo giorno prende corpo la riforma sanitaria- ha detto Russo- La riqualificazione della rete ospedaliera e la crescita della medicina territoriale passa necessariamente anche dalla corretta copertura delle piante organiche. Stiamo cominciando dalle posizioni apicali, presto verranno anche assunte tutte le altre figure professionali che serviranno a dare efficienza alla macchina sanitaria e adeguate risposte di salute ai cittadini. Tutto cio' e' stato reso possibile grazie al percorso virtuoso che questo Governo ha intrapreso negli ultimi due anni in termini di riorganizzazione e riqualificazione della spesa. E' l'ennesima dimostrazione che quelli che qualcuno ha strumentalmente chiamato "tagli alla sanita'" sono stati in realta' "tagli agli sprechi" e a certe logiche clientelari o affaristiche. Ai manager- ha concluso l'assessore- ho gia' parlato, raccomandando celerita', trasparenza e rigore nelle nuove nomine che dovranno rispondere ai criteri di meritocrazia che questo assessorato intende tutelare in tutti i modi. Lo faremo anche con il necessario controllo sulla correttezza delle procedure e sui risultati ottenuti in termini di miglioramento
dell'offerta sanitaria".  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati