Interpellanza bipartisan: "Più magistrati a Caltanissetta"

E' stata inviata al presidente del Consiglio e al ministro della Giustizia. A firmarla i deputati del Pd, Fli, Pdl, Udc e Idv

ROMA. Se il governo non interverrà immediatamente per mandare alla Procura di Caltanissetta più magistrati "non solo si consentirà un nuovo rafforzamento" della mafia, ma si impedirà che venga "fatta definitiva luce" sulle stragi del '92 e '93. E' quanto si legge in un'interpellanza bipartisan al presidente del Consiglio e al ministro della Giustizia firmata da deputati del Pd, di Fli, del Pdl, dell'Udc e dell'Idv. I firmatari si rifanno a quanto detto dal procuratore della Repubblica del Tribunale di Caltanissetta, Sergio Lari, nella sua audizione davanti all'Antimafia del 20 luglio scorso. Ma l'allarme lanciato da Lari è contenuto anche nei dati pubblicati nel Csm: a Caltanissetta, si ricorda, c'é una 'scopertura' media nell'organico dei magistrati del 32,33% a fronte di una media nazionale del 12,82%. La situazione è più drammatica per quanto riguarda i Pm: la loro 'scopertura' arriva al 40,48%, a fronte di una media nazionale del 15,4%. In sostanza, si legge ancora nell'interpellanza che porta, tra le altre, le firme dei finiani Fabio Granata e Angela Napoli, nel distretto giudiziario di Caltanissetta "manca oltre un magistrato su tre di quelli previsti in organico". Tanto che la procura di Caltanissetta, scrivono, può definirsi "come una delle strutture giudiziarie più disagiate d'Italia". E a nulla, denunciano i deputati, è valsa la legge per consentire anche ai magistrati di prima nomina di andare nelle sedi disagiate. La procura della Repubblica di Caltanissetta, sottolineano, "si trova attualmente impegnata non solo" nella lotta alle "più efferate compagini mafiose", ma anche "nelle altrettanto delicate indagini sulle stragi di mafia che hanno insanguinato il Paese nell'ultimo decennio del secolo scorso". Non intervenire immediatamente per tentare di sanare la situazione, conclude l'interpellanza, "equivarrà non solo a consentire un nuovo rafforzamento della criminalità organizzata di stampo mafioso, ma anche ad impedire che sia fatta definitiva luce su una delle pagine più delicate della storia criminale, giudiziaria e politica della Repubblica". I deputati del Pdl che hanno firmato il documento sono Salvatore Torrisi e Ida Vitale D'Ippolito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati