Palermo, Amia: guasti a catena e Bellolampo va in tilt

Problemi prima al trituratore e poi all'illuminazione del piazzale. Rallentate le attività nella discarica di Bellolampo. Dall'azienda: "La situazione tornerà normale entro lunedì"

PALERMO. Ai singolari guasti a catena, prima il trituratore e poi l'illuminazione del piazzale, che per tutta la giornata e la notte di giovedì scorso avevano rallentato le attività di conferimento e trattamento dei rifiuti nella discarica di Bellolampo di Palermo, dalla scorsa notte si è aggiunto il fermo per manutenzione straordinaria del trituratore esterno gestito dalla società Unieco e che tratta ogni giorno 500 tonnellate di spazzatura. Lo rende noto l'Amia. Per tutta la notte trascorsa il personale ha dovuto operare con l'unico trituratore funzionante per riuscire a fare scaricare tutti i mezzi Amia in attesa, con una lunga fila compattatori in attesa. Di conseguenza la raccolta in città del turno antimeridiano è cominciata in ritardo. Fino a questo pomeriggio proseguirà il trattamento dei rifiuti conferiti dai mezzi degli Ato della provincia rimasti in attesa, attorno alle 18 si riprenderà con il pattume raccolto a Palermo. Domani il personale in discarica sarà ininterrottamente impegnato per cercare di recuperare l'arretrato, anche se disagi nella raccolta potranno verificarsi in diverse zone della città. La situazione dovrebbe tornare alla normalità entro lunedì. Amia è impegnata a risolvere i problemi logistici e di spazio che finora hanno impedito di attivare contemporaneamente il vecchio trituratore e quello nuovo installato nella stazione di trasferenza della quinta vasca. Superato questo ostacolo, a regime potranno operare insieme i due impianti di Amia e quello di Unieco. L'Amia precisa che, a seguito di apposite verifiche, è escluso che da strade del centro Storico siano stati dall'azienda spostati o rimossi contenitori della raccolta differenziata, se non per espressa richiesta di cittadini o per esigenze di sicurezza evidenziate dalle autorità competenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati