Catania, sottratti 240 ricettari all'Asp

CATANIA. Il Gip di Catania Oscar Biondi ha disposto il sequestro di 240 ricettari medici dell'Asp etnea che risultano siano stati prelevati da sconosciuti, con false deleghe dei medici, parte lesa, che invece ne risultano formalmente essere in possesso. Il provvedimento è in corso di esecuzione da parte di carabinieri del Nas che ancora non sono riusciti a recuperarli.  Poco meno di un centinaio di ricette, con la prescrizione di un diuretico a fiale intestate a una persona inesistente, sono state trovate in possesso di un uomo che è stato arrestato nel marzo scorso per truffa allo Stato in flagranza di reato in una farmacia mentre ritirava il farmaco. L'indagato, che ha dichiarato di avere agito per stato di necessità, è stato successivamente scarcerato.  Indagini dei carabinieri del Nas, coordinate dal sostituto procuratore Lucio Setola, stanno cercando di accertare la posizione dei medici titolari dei ricettari, che nella vicenda sarebbero parte lesa. A ritirali all'Asp di Catania, infatti, sarebbero stati degli sconosciuti con false deleghe. Accertamenti sono in corso anche sui metodi di consegna dei ricettari.   I carabinieri del Nas di Catania segnalano il rischio che i ricettari sottratti possono essere utilizzati in tutta Italia ed é possibile la prescrizione fraudolenta di farmaci pericolosi per la salute pubblica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati