Maradona: Pastore un "maleducato" del calcio

L'esordio al mondiale del trequartista rosa entusiasma il ct argentino: "È un pazzo che gioca in modo straordinario"

PALERMO. È durato solo quindici minuti l’esordio mondiale di Javier Pastore. Ma quel quarto d’ora, l’ultimo della terza partita dell’Argentina in questo mondiale, vinta dall’Albiceleste 2-0 sulla Grecia, è bastato per incantare pubblico e soprattutto il tecnico argentino Diego Maradona che, da genio del calcio da giocatore quale è stato, non poteva usare certo una definizione banale, per parlare di Pastore. «Javier è un “maleducato” del calcio. È un pazzo che gioca un calcio straordinario».
Giocate di prima, inserimenti e fraseggi spettacolari con altri due campioni argentini che danno del tu al pallone: Veron e Messi. Tuttò ciò ha fatto dire a Diego a fine partita che Pastore sembrava un calciatore navigato, con alle spalle quattro, cinque mondiali. Di sicuro queste dichiarazioni avranno subito trovato una persona d’accordo, “innamorata” del numero 6 rosanero: Maurizio Zamparini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati