Carceri, agente aggredito nel Messinese

BARCELLONA POZZO DI GOTTO. Ancora un'altra aggressione questa mattina all'ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto. Ne dà notizia il segretario del sindacato Osapp, Leo Beneduci. Un internato, spiega Beneduci, ha aggredito con pugni e calci un sovrintende capo di polizia penitenziaria, tentando poi la fuga e per sedare lo scalmanato e riportare la situazione alla normalità ci sono voluti 30 minuti e l'impiego di altri 2 due poliziotti penitenziari.    Il sovrintendente aggredito ha riportato la frattura di due costole e una prognosi di 20 giorni salvo complicazioni, "ma l'episodio la dice più lunga - aggiunge Beneduce - di quello che può sembrare, tenuto conto che, benché si tratti di un ospedale psichiatrico, atti di tale violenza non sono affatto comuni e dimostrano qual è il clima attuale".  "Barcellona Pozzo di Gotto - conclude - era stata fino a ieri estranea ai gravissimi problemi del sistema penitenziario, essenzialmente legati al sovraffollamento e alla carenza di personale e di risorse economiche, tant'é che si era immaginato di ristrutturarne una parte da adibire a sezione femminile o a custodia attenuata. Il fatto che anche in quell'Opg accada quello che sta succedendo nei 'normali' istituiti penitenziari dimostra quanto si sia avanti nel decadimento e nella dissoluzione del sistema penitenziario. Peccato che il capo del Dap Ionta e il ministro Alfano sembrino non accorgersene e non siano, come dovrebbero, al fianco della polizia penitenziaria".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati