Fallimento della Elmec a Catania, arrestato imprenditore

CATANIA. Nonostante fosse già stato rinviato a giudizio per bancarotta fraudolenta avrebbe cercato di trasferire all'estero ingenti quantità di risorse finanziarie, beni strumentali e prodotti industriali delle società 'decotte', sottraendoli alla massa fallimentare, con notevole pregiudizio dei creditori e dello Stato. E' l'accusa contestata dalla Procura di Catania all'imprenditore Giovanni Pio Rosario Maglia, di 39 anni, che è stato arrestato dalla guardia di finanza in esecuzione di un ordine di carcerazione. Al centro delle indagini il fallimento nel 2007 della Elmec, azienda per la produzione di cavi e cabine elettriche con centinaia di dipendenti. i cui stabilimenti e beni stimati in 12 milioni di euro sono da maggio sotto sequestro.   Secondo l'accusa Maglia avrebbe ceduto, ma soltanto cartolarmente, macchinari e beni a due aziende, una argentina e l'altra maltese, ritenute riconducibili all'imprenditore, che successivamente a loro volto avrebbero rivenduto tutto a una società di Tunisi creata, ritiene la Procura, proprio da Maglia con la complicità di un tunisino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati