Taormina, lo spettacolo di Travaglio si farà

La Regione autorizza l'utilizzo del Teatro antico, ma in un'altra data per consentire i festeggiamenti del patrono. Lombardo: "E' un ospite gradito".

Sicilia, Cultura

PALERMO. Quello spettacolo alla fine si terrà, assicura la Regione. Sullo sfondo, polemiche e persino interrogazioni parlamentari, tutte sulla presunta mancata concessione del Teatro Antico di Taormina per «Promemoria», excursus giornalistico di Marco Travaglio. Secondo gli organizzatori la Sovrintendenza ha revocato l'autorizzazione dell'evento, in programma il 9 luglio, «sulla base di considerazioni che appaiono dettate da motivazioni malcelatamente politiche». All'attacco pure l'Udc: «È un grave atto di censura negare il Teatro Antico a Travaglio», tuona il deputato regionale Giovanni Ardizzone, annunciando un'interrogazione all'Ars per chiedere, più in generale, «la revoca del decreto che impone ai sovrintendenti di negare le autorizzazioni nei teatri antichi anche in considerazione "sia all'oggetto delle manifestazioni che ai soggetti proponenti"». Replica Gaetano Armao, assessore regionale ai Beni culturali: «Ho ritenuto, d'intesa con il presidente Lombardo, di concedere l'utilizzo del Teatro agli organizzatori, invitandoli al contempo a differire lo spettacolo ad altra data, tenuto conto della coincidenza con le iniziative in programma per i festeggiamenti del Patrono di Taormina». E in serata Raffaele Lombardo aggiunge: «Travaglio è ospite gradito».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati