Parà trapanese morta a Ravenna, l'attrezzatura non si guastò

E' emerso dall'udienza davanti al gip del tribunale romagnolo. La giovane morì il 20 febbraio finendo in un laghetto dopo un lancio

RAVENNA. Le parti hanno preso atto che tutto funzionava regolarmente e che nell'attrezzatura non c'era nessun segno di inceppamento: è quanto emerso in mattinata dall'udienza davanti al Gip del Tribunale di Ravenna in merito alla discussione sulla perizia del paracadute di Giovanna Melania La Mantia, la caporale morta a 22 anni dopo essere finita al suo primo lancio - effettuato privatamente, fuori dal servizio - il pomeriggio del 20 febbraio scorso nel laghetto di cava "Cà Bianca" nei pressi del piccolo aeroporto della Spreta, alle porte della città romagnola.
La giovane era stata ripescata con l'attrezzatura ancora imbracata e così non era chiaro se non fosse riuscita a sganciare il paracadute - come prevede il protocollo di emergenza - a causa di un guasto all'attrezzatura o per la comprensibile emozione di una manovra inaspettata. Per quanto riguarda l'analisi medico-legale, l'esperto incaricato dal Gip ha di recente chiesto una proroga per il deposito della perizia.    Per la morte della ragazza era stato da subito indagato il direttore di lancio, un esperto di paracadutismo originario della provincia di Mantova, difeso dagli avvocati Claudio Arria e Giovanni Nanni.    
L'incidente si era verificato quando la militare, originaria di Trapani e in forza al 46/o Reggimento Trasmissioni di Palermo, durante una licenza del week-end si era trasferita a Ravenna con dei colleghi per alcuni lanci privati che le avrebbero consentito di conseguire il brevetto di paracadutista civile dopo il corso teorico. Non è chiaro ancora il motivo per il quale il suo paracadute, regolarmente apertosi, sia stato spinto fin sul laghetto che dista alcune centinaia di metri dal campo utile di atterraggio, peraltro uno dei più grandi d'Italia per questo tipo di attività. Tra le ipotesi, un'improvvisa raffica di vento. Il corpo della ventiduenne era stato ritrovato dopo cinque giorni di intense ricerche ad ampio raggio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati