Protesta contro Monreale, taxi in sciopero a Palermo

Turisti a piedi nel capoluogo dopo la clamorosa decisione di 320 tassisti che protestano dopo il sequestro di un mezzo da parte dei vigili urbani nella città normanna

PALERMO. Turisti a piedi a Palermo per un improvviso sciopero dei taxi. Le due cooperative, Radio taxi e Trinacria che raggruppano i 320 tassisti palermitani, sono state chiuse per protesta contro l'amministrazione di Monreale, comune alle porte di Palermo.   La mobilitazione è scattata dopo che si è sparsa la notizia che i vigili urbani di Monreale hanno fermato un taxi proveniente da Palermo con alcuni turisti a bordo. Da circa un anno tra i tassisti palermitani e il comune di Monreale è scontro per via della decisione dell'amministrazione di vietare la sosta delle auto di servizio provenienti dal capoluogo siciliano nelle aree riservate ai taxi locali. I tassisti palermitani sono obbligati a lasciare il turista nella piazza di Monreale e i clienti se intendono rfientrare a Palermo devono rivolgersi ai tassisti locali oppure utilizzare altri mezzi.  La tensione ha toccato il picco nei giorni scorsi quando i vigili hanno sequestrato un taxi, multando il tassista palermitano di 155 euro per noleggio abusivo. La vicenda, finita in mano agli avvocati, ha assunto risvolti politici, cone le due amministrazioni di centrodestra che stanno cercando una soluzione. "Quanto sta avvenendo è scandaloso", dice Gaetano Calista del sindacato Uri taxi, che assieme agli altri sindacati, ha chiamato a raccolta i tassisti per una protesta nella piazza di Monreale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati