Regione, sì a un ddl per la dirigenza generale

Istituiti due albi. Rinviata a domani una decisione sugli attuali incarichi esterni

PALERMO. Un disegno di legge appositamente redatto regolamenterà la materia della dirigenza generale nell'ambito dell'amministrazione regionale. Il ddl è stato approvato oggi dalla giunta di governo, riunita a Palazzo d'Orleans sotto la presidenza di Raffaele Lombardo.
La nuova proposta riduce al 20% (rispetto all'attuale 30%) il limite massimo per il ricorso a dirigenti generali esterni. Al tempo stesso, si istituiscono due albi aperti: nel primo confluiranno i nomi degli aspiranti dirigenti generali esterni all’amministrazione aventi titolo per ricoprire l'incarico, nel secondo gli aventi titolo interni alla stessa amministrazione. In futuro i dirigenti generali saranno, dunque, scelti attingendo a questi elenchi.
La giunta ha anche affrontato il tema degli attuali dirigenti generali esterni e su questo si e' aggiornata a domani.
L'esecutivo ha, poi, approvato un disegno di legge in materia di appalti, necessario per adeguare la normativa regionale alle disposizioni nazionali.
In materia di forestazione e rinaturalizzazione, sono stati apprezzati gli Apq - Fas (Accordi di programma quadro) attualmente in linea di autorizzazione.
Il governo ha, quindi, dato il via libera alla proposta di una legge per la ricostruzione delle aree terremotate, avanzata dal Coordinamento dei sindaci sulla scorta degli indirizzi espressi dalla speciale commissione per i problemi della valle del Belice costituita con decreto del presidente della Regione. Il ddl sarà trasmesso al consiglio dei ministri "auspicando che possa configurarsi una proposta di legge del governo nazionale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati