Rientrato a Roma il siciliano ferito a Herat

Gianfranco Sciré è atterrato all'aeroporto militare di Ciampino. Ha una gamba fratturata e sarà trasferito all'ospedale del Celio

Sicilia, Cronaca

FIUMICINO. L'aereo, con a bordo il  caporalmaggiore Gianfranco Sciré, rimasto ferito nello scoppio di un ordigno ieri in Afghanistan mentre si trovava su  un Lince diretto a Bala Murghab e che ha una tibia fratturata, é arrivato all'aeroporto militare di  Ciampino. Il Falcon 900 é atterrato alle 11.15 allo scalo romano, dove non è stato consentito l'accesso a nessun operatore della stampa.    
Il caporalmaggiore, 28 anni, originario di Casteldaccia, un piccolo comune palermitano, è entrato nell'esercito nel 2001, quando aveva 19 anni. Di stanza a Torino, nel 32/esimo reggimento Genio, Sciré è stato protagonista di numerose missioni all'estero; quella attuale in Afghanistan, dove si trovava da un mese, era la terza consecutiva. Il militare da Ciampino sarà poi trasferito all'ospedale militare del Celio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati