Allarme da Palermo: sempre più donne con prolasso dell'utero

Congresso di ginecologi a Mondello: una su due, entro il 2050, avrà danni evidenti al pavimento pelvico con incontinenza fecale e urinaria

Sicilia, Salute

PALERMO. "Una donna su due, entro il 2050 avrà danni evidenti al pavimento pelvico con incontinenza fecale e urinaria e prolasso dell'utero". A lanciare l'allarme é Biagio Adile, organizzatore e presidente del settimo congresso mondiale della Figo Task force, federazione internazionale di ginecologia e ostetricia. Al congresso, che si svolge al Palace Hotel Mondello, partecipano oltre 800 uroginecologi di tutto il mondo.
"Attualmente il problema interessa una donna su tre - continua Adile - con punte, nel Meridione, del 40%. Il problema deriva da una lato dalla crescita del benessere complessivo, dall'altro alle modalità di parto cesareo che, in Sicilia, raggiunge punte del 54%".
"L'Italia è, tra le regioni europee e del mondo - precisa - che, nei prossimi trenta anni avrà la maggiore crescita della richiesta di terapie per la cura del prolasso dell'utero e dell'incontinenza urinaria e rettale. L'aumento, già nel prossimo quinquennio, potrebbe aggirarsi attorno al 10% in Sicilia, all'8% in Italia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati