Targa Florio del mare, 15 barche al via

La partenza domani da Favignana. Effettueranno il giro della Sicilia in senso orario con la nuova formula dei pit stop

PALERMO. Favignana si prepara ad accogliere per la terza volta la “Targa Florio del Mare”. Questa competizione velica è una delle regate d'altura più prestigiose del Mediterraneo. Imbarcazioni performanti si sfideranno lungo le coste siciliane, a partire da domani, effettuando i pit stop, ovvero, Cefalù, Giardini Naxos, Marzamemi, Sciacca, sbarcando a Favignana domenica 16 maggio. Organizzato, quasi fosse una corsa automobilistica, attraverso un percorso molto impegnativo di  430 miglia, ha subito incontrato il favore degli armatori, come spiega il presidente dello Yacht Club Favignana, Chiara Zarlocco: “I pit stop, seppur impegnativi, perché presuppongono cinque atterraggi e altrettante ripartenze, sono molto amati dai concorrenti e sono anche un po’ il sale di questa corsa, perché sono un’occasione per scelte tattiche ulteriori che possono anche essere importanti e decisive per l’esito finale della regata”.
Tutto invariato, quindi, con la sola novità di una partecipazione d’eccezione, ovvero di Matteo Miceli, atleta di punta dello YCF, che parteciperà alla regata sotto il guidone del circolo, con il suo Este 40. Al via anche l’altro portacolori dello Yacht Club Favignana, il giovane Andrea Fornaro, che dopo il grande successo alla Giraglia dello scorso anno, vorrebbe vincere anche questo trofeo “in casa” e strapparlo a Ignazio Cusumano e alla sua splendida Oxidiana.
Confermata anche la partecipazione dei ragazzi delle scuole elementari locali, che anche quest’anno, accompagnati dai loro insegnanti, accoglieranno i velisti colorando i porti con i loro disegni per la II edizione del concorso dal titolo “Voglio fare il giro del mondo in barca a vela”. Come lo scorso anno, la premiazione del concorso avverrà nel corso della serata conclusiva che si svolgerà a Favignana, sabato 15 maggio, nella splendida cornice della tonnara completamente restaurata. Ai vincitori della regata andranno tre targhe: il primo premio in oro, il secondo in argento, il terzo in bronzo. Le targhe sono incise dal Maestro Sandro Romagnoli e raffigurano la prima Targa Florio “Perla del Mediterraneo” dei primi anni del 900. Novità di quest'anno, poi, i premi in denaro che sono stati stabiliti: oltre alla targa in oro, al primo classificato andrà un assegno di 5.000 euro; al secondo un assegno di 3.000 euro e al terzo un assegno di 2.000 euro.
Un altro evento di grandissima rilevanza sta per essere posizionato all'interno del mondo della vela internazionale: “Un evento dal sapore tutto italiano - dice Chiara Zarlocco - ovvero il Trofeo Challenge Made in Italy, previsto dal 15 al 18 settembre 2010, che rappresenta una nuova logica di competizione, una sorta di sfida velica manageriale. Tutti i brand italiani sono coinvolti. A cominciare dalle Regioni, chiamate a portare sulla scena le loro specificità, produttive, artistiche e culturali. Quest'anno poi potremo vivere assieme la carica, l'entusiasmo e le risate dei ragazzi coinvolti nella seconda edizione del concorso di disegno “Voglio fare il giro del mondo in barca a vela” che coinvolge circa 500 bambini delle scuole siciliane dei Comuni interessati dai pit stop. E poi, frutto di fantastiche coincidenze (dal momento che le date della regata sono state fissate di concerto con il calendario FIV, ndr) potremo condividere la spettacolarità del 150° Anniversario dello sbarco dei Mille, con rievocazioni e festeggiamenti e, non ultimo, la prima edizione della Giornata dell’Autonomia Siciliana”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati