Palermo, busta con proiettile al Giornale di Sicilia

La lettera, arrivata anche alla redazione di Repubblica, contiene minacce a magistrati e collaboratori di giustizia, oltre che ai giornalisti Santoro e Ruotolo

PALERMO. Due buste con proiettili e nuove minacce a magistrati e collaboratori di giustizia sono state recapitate ieri nelle redazioni palermitane del Giornale di Sicilia e Repubblica. Le missive, spedite direttamente da Firenze e che adesso si trovano in mano agli agenti della Digos per essere analizzate, sono state scritte al computer e in lettere maiuscole. Nella lettera inviata al direttore del Giornale di Sicilia, si legge: “Non analizzi il contenuto di questo comunicato come un minaccia, i grandi eventi vanno annunciati. Lo si era fatto in passato, con scarsi risultati. Il malessere e sotto gli occhi di tutti”. Così, si passa a fare cenno a “operazioni di sostegno della nostra democrazia” e vengono presi di mira i tre magistrati Antonio Ingroia, Sergio Lari e Nino Di Matteo. Accanto a loro, si fa riferimento anche ai collaboratori di giustizia Massimo Ciancimino e Gaspare Spatuzza. “Soggetti che – si legge – direttamente o indirettamente subiranno le conseguenze di operazioni già pianificate”. Scorrendo avanti quanto scritto nella lettera, si arrivano a leggere le minacce lanciate a Michele Santoro e Sandro Ruotolo, per i quali si è “in attesa di decisioni” dal momento che, secondo l’autore del testo, avrebbero avuto “il triste ruolo come giornalisti in appoggio ad un disegno eversivo intrapreso da (parte incomprensibile) comunisti…”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati