Bilancio, la manovra nel dettaglio

Fondi per la gestione dei consorzi Asi, i forestali, le Orestiadi di Gibellina e la scuola del cinema di Palermo. Ecco alcune delle spese inserite

PALERMO. Fondi per la gestione dei consorzi Si, i forestali, le Orestiadi di Gibellina e la scuola del cinema di Palermo. Ecco alcune delle spese inserite nel bilancio approvato dal bilancio questo pomeriggio all’Ars.
"Due milioni di euro per i centri di assistenza tecnica alle imprese cooperative e tre milioni, in aggiunta ai 18 esistenti, per la gestione dei consorzi Asi – commenta l'assessore regionale alle Attività produttive, Marco Venturi -. Con 2 milioni, le centrali cooperative potranno aprire sportelli per fornire informazioni utili in materia di credito, attività finanziarie, assistenza su argomenti fiscali e sul lavoro alle circa 6mila cooperative associate e alle circa 12mila non associate. Altri tre milioni, in aggiunta ai 18 esistenti, sono stati destinati ai consorzi Asi della Sicilia e serviranno per contribuire alle spese di gestione degli stessi, molti dei quali versano in condizioni di disagio economico".
"Il governo regionale ha mantenuto l'impegno con i forestali, grazie a questa manovra di bilancio sarà rispettata la previsione di pagare gli arretrati - è il commento di Titti Bufardeci -. Nel bilancio sarà riportata la previsione triennale delle somme necessarie ad erogare ai lavoratori gli arretrati relativi ai contratti precedentemente approvati - spiega Bufardeci - con una dotazione di 8,5 milioni di euro per il 2010, 11,7 milioni per l'anno prossimo e oltre 13 milioni nel 2012". Sempre in tema di lavoratori forestali, l’assessore all’Agricoltura annuncia la creazione di una task force per il settore: "questa prassi servirà a velocizzare l'iter di approvazione dei progetti da finanziare con il Par-Fas 2007-10, per portare avanti tutti quei programmi che coniugano la tutela ambientale e la salvaguardia del patrimonio boschivo con la piena valorizzazione delle professionalità dei forestali".
Deluso, invece, Nino Strano: "Resto perplesso per la decisione del presidente Cascio di dichiarare improponibile l'articolo 110 della finanziaria, con il quale venivano ripristinati e solo in parte, i fondi del bilancio regionale, e sarebbero stati gli unici, per l'incremento turistico verso la Sicilia, anzi molto perplesso. Mi aspetto dal presidente dell'Ars, già assessore al turismo, un comportamento in aula in queste ore che ribalti questa cattiva impressione che ha dato al mondo del turismo e ai suoi lavoratori, con la sua decisione. Inoltre conoscendo la sua ipersensibilità nei confronti del mondo dello sport e in particolare del Coni, mi aspetto da parte sua un sostegno agli emendamenti da me proposti per una destinazione finanziaria adeguata al Comitato italiano paralimpico, destinate alle società che praticano con amore sport per disabili. Voglio invece ringraziare tutta l'aula, senza distinzione di ruoli, il presidente Lombardo e l'assessore all'Economia Michele Cimino, per aver accolto le nostre richieste per l'implementazione dei capitoli relativi ad alcune istituzioni teatrali, musicali e liriche come le Orestiadi di Gibellina, la scuola del cinema di Palermo presieduta dal professor Alberoni, il teatro Pirandello di Agrigento, Taormina arte, il teatro stabile di Catania, il teatro Bellini di Catania, il Biondo di Palermo, il Vittorio Emanuele di Messina, la fondazione teatro Massimo di Palermo, l'Inda di Siracusa, l'Orchestra sinfonica siciliana e le attività teatrali in genere fra le quali quelle dei pupari. Pur in un momento di contrazione delle risorse - ha concluso Strano - il parlamento siciliano si è mostrato sensibile alle indicazioni del mondo culturale siciliano".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati