Catania, graduatorie scalate con documenti falsi: 19 denunce

Truffa scoperta dalla guardia di finanza. Al centro dell'indagine un concorso per personale amministrativo nelle scuole statali. Coinvolti precari, dipendenti e dirigenti di istituti privati paritari

CATANIA. Rilasciavano false dichiarazioni e e attestazioni per scalare la graduatoria del concorso pubblico per titoli del personale amministrativo nelle scuole statali. E' la truffa scoperta dalla guardia di finanza di Catania, in cui sono coinvolte diciannove persone, tra precari, dipendenti e dirigenti di scuole private paritarie.    
La Procura del capoluogo etneo, a conclusione delle indagini, ha chiesto al Gip l'emissione di decreti penali di condanna per truffa aggravata. Gli atti dell'inchiesta saranno girati all'Ufficio scolastico provinciale per valutare la posizione amministrativa degli indagati.    
La truffa, per gli investigatori, avveniva in sede di graduatoria provinciale. Secondo le Fiamme gialle, il candidato in possesso dei requisiti previsti dal bando presentava la domanda allegando l'autocertificazione di titoli di servizi mai svolti e anche false attestazioni rilasciate da scuole private compiacenti che attestavano periodi lavorativi in realtà non svolti o ne 'gonfiavano' la durata. La tecnica sarebbe stata ripetuta ogni anno, per poter sempre scalare più in fretta la graduatoria e avere accesso all'immissione in ruolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati