Formazione, Barone: no a riforma in finanziaria

il segretario della Uil siciliana: "Se non si arriva a un chiarimento ci troveremo costretti a prendere iniziative forti di lotta"

PALERMO. “La Uil è fortemente preoccupata per la notizia dell’inserimento in finanziaria di interventi sulla formazione professionale”. Lo dice Claudio Barone, segretario regionale della Uil Sicilia, a proposito della annunciata abrogazione della legge 24 del ’76 che regola la formazione finanziata con fondi regionali.
Barone aggiunge: “Il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, deve spiegare che cosa intende per concertazione con le organizzazioni sindacali visto che per attuare provvedimenti di tale importanza agisce in modo assolutamente non trasparente e senza ascoltare le parti sociali, in particolare i sindacati”. Barone continua: “Chiediamo da tempo una riforma della formazione professionale, ma questo modo di procedere va esclusivamente verso lo sfascio e può compromette anche la sicurezza di migliaia di famiglie che vivono di questo lavoro. Se non si arriva a un chiarimento ci troveremo costretti a prendere iniziative forti di lotta”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati