Terremoto sull'Etna, paura ma nessun danno

Uno sciame sismico molto prolungato ieri sera con un picco di magnitudo 4.2. Numerose le telefonate ai numeri di emergenza

CATANIA. Paura in provincia di Catania, nella tarda serata, per uno sciame sismico molto prolungato che ha avuto il suo picco alle 22.04 con una scossa di magnitudo 4.2 della scala Richter. L'evento, localizzato nella zona nord-orientale dell'Etna a monte di Linguaglossa-villaggio Mareneve, è stato definito dai ricercatori dell'Istituto di Vulcanologia di Catania "molto superficiale e quindi ben avvertito in molti comuni del Catanese".
Numerose le telefonate ai numeri di emergenza, ma non è stato segnalato alcun danno. Stando agli esperti, lo "sciame" potrebbe indicare un preludio di ripresa dell'attività etnea. Allo stato attuale, però, non viene segnalato un aumento del "tremore vulcanico" che segnala la risalita di magma in superficie. Già martedì, peraltro, un’altra scossa di magnitudo 2.4 era stata registrata dagli strumenti dell’Ingv nell’area di Linguaglossa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati