Autocompattatori, pressing di Cammarata sull’Ato Simeto

Mai consegnati i mezzi che dovevano arrivare a Palermo da Catania nel mesi di gennaio. Il sindaco: avevamo firmato un comodato d’uso

PALERMO. "Che fine hanno fatto i quattro autocompattatori che l'Ato Simeto ambiente di Catania si era impegnato, a gennaio scorso (con tanto di scambio di lettere ed accordi sottoscritti) a cedere in comodato d'uso gratuito all'Amia?". Lo chiede il sindaco di Palermo Diego Cammarata in una lettera ai vertici dell'Ato Simeto ambiente. Nella nota, inviata per conoscenza al Dipartimento regionale dei rifiuti e al Presidente della Regione Raffaele Lombardo, il sindaco ricorda che "già lo scorso 14 gennaio venne sottoscritto dai due enti - Ato Simeto ambiente ed Amia - il comodato d'uso gratuito, stilato dopo che dal dipartimento dei rifiuti era arrivato il nulla osta al passaggio dei mezzi".
L'Amia aveva inviato a Catania i tecnici che avevano riattivato i mezzi, fermi da molto tempo, sostituendo le batterie e rendendoli pronti all'uso. Ma quegli autocompattatori, che potrebbero risolvere i problemi di raccolta e conferimento dei rifiuti in discarica, a Palermo non sono mai arrivati.
"Sono certo - dice Cammarata - che le notizie secondo cui questi autocompattatori sono stati destinati altrove sono assolutamente prive di fondamento. Sarebbe davvero paradossale che, dopo avere firmato il comodato d'uso e dopo che l'Amia ha riattato a proprie spese i mezzi, questi non vengano destinati alla città di Palermo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati