Pizzo sui cantieri edili di Bari, tre arresti

BARI. Con l'accusa di aver compiuto e tentato di compiere numerose estorsioni ai danni di titolari di  cantieri edili della provincia barese, tre pregiudicati sono stati arrestati da agenti della squadra mobile della questura di Bari.
Gli arrestati sono ritenuti vicini al clan mafioso Montani-Misceo, che opera al rione San Paolo del capoluogo pugliese. Tuttavia il gip, Sergio Di Paola, che ha emesso i provvedimenti di arresto in carcere, non ha ritenuto vi fossero elementi sufficienti per contestare ai tre l'aggravante di aver favorito l'associazione mafiosa, così come aveva chiesto la Dda.
Le richieste di denaro fatte agli imprenditori "per continuare a lavorare" - secondo l'accusa - sono state rivolte a gran parte dei titolari dei cantieri edili sorti negli ultimi tempi nei rioni san Paolo e Palese-Santo Spirito, alla periferia nord di Bari. Le somme chieste in cambio di protezione erano in media di 500 euro.
A quanto si appreso, alcuni imprenditori si sono rifiutati di pagare il pizzo richiesto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati