Aziz Munnizza, il lato artistico dei rifiuti