Voragine circonvallazione di Catania, al via processo

Catania. È cominciato stamane davanti al giudice monocratico della I sezione penale del tribunale di Catania il processo al direttore dei lavori del cantiere Salvatore Fiore, ed il responsabile tecnico della Sigenco, Antonino Milazzotto, rinviati a giudizio per disastro colposo dal gup di Catania Luigi Barone in merito alla voragine di otto metri di diametro e cinque di profondità apertasi l'11 giugno 2008 sulla circonvallazione del capoluogo etneo, sopra una galleria della costruenda metropolitana della Ferrovia Circumetnea. Sono stati ascoltati come testimoni cinque dipendenti della Sigenco, che hanno descritto l'accaduto e raccontato i momenti successivi al crollo. Il pm Alessandro La Rosa ha chiesto una nuova perizia perché il consulente che l'ha redatta è nel frattempo deceduto. Secondo l'accusa a causare il crollo, che non provocò feritisarebbe stato un cedimento del terreno. Per la Procura ci sarebbero state delle omissioni nei controlli da parte dei responsabili della costruzione. La prossima udienza è fissata per il 28 maggio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati