Rapine e furti, arrestato un erede dei Vitale

In cella è finito Leonardo, figlio dell’ergastolano Vito. Coinvolto anche il fratello minore. Recuperare gran parte della refurtiva, per un valore di circa 200 mila euro

Palermo. Rapine e furti nella zona di Partinico, in provincia di Palermo. Una banda di cui avrebbero fatto parte Leonardo Vitale e il fratello minorenne, figli del boss ergastolano Vito. Leonardo Vitale junior è stato arrestato insieme ad altre due persone: Roberto Rizzo, 36 anni, e Domenico Parra, 30 anni.
Le indagini sono state condotte dai carabinieri del Gruppo di Monreale che hanno eseguito la scorsa notte le tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Palermo su richiesta del procuratore aggiunto della Dda, Antonio Ingroia, e del sostituto Francesco Del Bene. Secondo gli investigatori i “Fardazza” facevano parte di una banda di rapinatori di mezzi agricoli. I reati contestati sono furto aggravato, rapina, ricettazione, porto e detenzione illegale di armi e munizioni. A un'altra persona, Sergio Sacco, 65 anni, è stato notificato un avviso di garanzia per la ricettazione di tre trattori.
L'attività investigativa ha riguardato reati commessi da aprile a luglio dell'anno scorso tra Partinico e Monreale, tra i quali una rapina messa a segno l'11 giugno scorso a San Cipirello ai danni di un agricoltore, al quale era stato rubato un trattore "Massey Ferguson" completo di rotoballer. Recuperare gran parte della refurtiva, per un valore di circa 200 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati