Non si fermano all'alt, conflitto a fuoco a Licata

Inseguimento con i carabinieri che si è concluso con il ribaltamento dell’auto guidata dai malviventi


Licata. Un conflitto a fuoco tra una banda e una pattuglia dei carabinieri si è verificato all'alba di stamani in contrada Stretto, a Licata. Una Fiat Ulisse, con a bordo tre persone, non si è fermata all'alt dei militari che si sono messi all'inseguimento dei banditi. I malviventi hanno esploso, durante la fuga, due colpi di pistola contro i carabinieri che hanno risposto al fuoco. L'inseguimento ha avuto fine quando l'autovettura dei tre è uscita fuori strada, ribaltandosi. Due persone sono riuscite a scappare per le campagne, mentre una terza è stata catturata e si trova, adesso, in stato di fermo. Si tratta di un uomo di Canicattì.
Secondo gli investigatori i tre facevano parte di una banda di ladri d'appartamento. Sono in corso le ricerche degli altri due: i carabinieri stanno verificando se qualcuno possa aver fatto ricorso alle cure degli ospedali della zona.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati