La Sicilia dice no al nucleare

L’Ars ha votato all’unanimità il provvedimento. Lombardo: ci batteremo perché da noi non ci sia neppure l’ombra delle centrali

Palermo. La Sicilia boccia il nucleare. Il Parlamento regionale ha approvato all'unanimità un ordine del giorno, presentato da alcuni deputati del Pd, che impegna il governo di Raffaele Lombardo a contrastare qualsiasi ipotesi di installazioni di centrali nucleare nell'isola. Il provvedimento é stato votato da tutti i parlamentari, di maggioranza e opposizione.
A sorpresa, dopo alcuni interventi in aula dei deputati, si é espresso a favore anche Lombardo, che finora aveva sostenuto la linea del referendum popolare sull'eventuale decisione del governo di Roma di costruire un sito in Sicilia. "Vedo che c'é un'ampia convergenza sul tema del nucleare - ha detto il governatore - Ci batteremo perché in Sicilia non si parli nemmeno lontanamente di nucleare".
L'odg è stato votato in nottata a conclusione del dibattito sul Lombardo ter, durato circa otto ore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati