Falsi braccianti agricoli nel Messinese

Denunciate 24 persone con l'accusa di aver truffato l'Inps. Fra queste anche la titolare di una ditta agricola.

Santo Stefano di Camastra. La Guardia di Finanza di Santo Stefano di Camastra ha denunciato alla Procura di Nicosia 23 falsi braccianti agricoli, e il loro datore di lavoro. Il controllo è scattato con l'apertura di una verifica fiscale nei confronti di una donna di 79 anni, titolare di una ditta agricola, nel territorio di Capizzi. La donna era finita nel mirino delle Fiamme Gialle in quanto non aveva mai provveduto alla presentazione delle dichiarazioni fiscali dei redditi, risultando quindi evasore totale.
   Nel corso delle attività di natura fiscale, concluse lo scorso mese di dicembre, i militari hanno scoperto una truffa perpetrata ai danni dell'Inps. Venivano certificate fittiziamente le presenza dei braccianti agricoli sui terreni per lo svolgimento delle attività, permettendo ai "finti" lavoratori, tutti residenti a Capizzi e Caronia, di avere accesso alle indennità erogate dall'Inps in base alle giornate di attività. I contributi indebitamente percepiti ammontano a circa 80.000 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati