“Violentarono una diciottenne”, tre romeni arrestati a Mazzarino

L’aggressione la notte di Capodanno nel Nisseno. Vittima una connazionale degli uomini finiti in cella

Mazzarino. Tre romeni accusati di avere violentato la notte di Capodanno una propria connazionale di 18 anni a Mazzarino, nel Nisseno, sono stati arrestati da carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta. Sono Robert Hurubas, di 38 anni, Claudiu Stefan Popa, di 25, e Silviu Roman, di 20, nei cui confronti il Gip del Tribunale di Gela ha emesso un ordine di custodia cautelare in carcere.
Secondo la ricostruzione della vittima, i tre ubriachi l'avrebbero aggredita con calci e pugni e, dopo averla afferrata per il collo, l'avrebbero portato nella stanza da letto dove, sotto la minaccia di un coltellino, l'avrebbero violentata. Per evitare che possa fuggire da casa i romeni l'avrebbero chiusa a chiave nella stanza da letto e messo a tutto volume uno stereo per non fare sentire le sue urla. La diciottenne è stata liberata dai suoi violentatori dopo averla minacciata di morte se avesse denunciato l'accaduto. La romena ha anche accusato uno dei tre suoi connazionali, Claudiu Stefan Popa, di avere violentato un donna italiana  disabile di 39 anni di Mazzarino, per la quale la diciottenne lavorava come badante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati