Cavani segna, Cassano risponde: il Palermo non passa a Genova

A Marassi un gol dell'uruguaiano illude i rosanero, ma "Fantantonio" spegne subito gli entusiasmi. Per gli uomini di Rossi un buon pareggio contro la Sampdoria

GENOVA. Finisce in parità il match d’alta quota tra Sampdoria e Palermo: 1-1 il primo punteggio targato 2010 dei rosanero. Reti messe a segno entrambe allo scadere del primo tempo con Edinson Cavani e del doriano Antonio Cassano. Più che positiva la prestazione di entrambe le squadre, che hanno dato vita ad una sfida spettacolare, ricca di emozioni e capovolgimenti di fronte con i due portieri, Salvatore Sirigu e Luca Castellazzi, tra i protagonisti di giornata.
Subito i rosanero in avanti al 2’ con un lancio calibrato di Miccoli per Cavani, ma l’arbitro Romeo ferma il gioco per una presunta posizione irregolare dell’attaccante uruguayano e gol annullato.Tre minuti più tardi, insidioso destro a giro di Cassano dalla distanza, ma è puntuale l’intervento di Sirigu che si rifugia in calcio d’angolo. Al 17’ Cassano mette al centro dell’area una palla tesa ma è decisiva la chiusura in corner di Bovo che anticipa Pazzini. Sugli sviluppi del tiro dalla lunetta, è splendida la parata di Sirigu che neutralizza il colpo di testa angolato di Gastaldello. Incredibile la prestazione del portiere sardo che ha salvato il risultato. Al 27 sponda aerea di Pazzini per l’incornata conclusiva di Tissone, nessun problema per Sirigu che blocca. Tre minuti dopo, suggerimento di testa di Miccoli per Cavani, ma la conclusione del numero 7 rosanero finisce alla sinistra del palo. Al 40’ il Palermo si porta in vantaggio: lancio millimetrico da centrocampo di Liverani che con un tocco morbido beffa Castellazzi. Ma è immediata la risposta dei padroni di casa che trovano un minuto più tardi il pari con Cassano, abile ad anticipare Kjaer e battere Sirigu con un interno destro sul secondo palo. Al 2’ della ripresa calcio di punizione battuto da Palombo dai trenta metri, palla fuori. All’8’ tentativo di Cassani dalla distanza senza inquadrare lo specchio della porta. Al 16’ Cassano vede e serve Pazzini, che scarica in porta ma è eccezionale Sirigu che alza il pallone con la punta delle dita. Al 22’ rosanero vicini al raddoppio con Migliaccio, che di testa sfiora la traversa sul corner dalla sinistra di Liverani. Al 24’ straordinaria giocata di Cavani che alza involontariamente il pallone con il tacco e fa partire un bolide mancino diretto all’incrocio, ma Castellazzi  sfodera una parata da applausi e salva il risultato. Dopo tre minuti di recupero l’arbitro Romeo fischia la fine: il Palermo sale a quota 27, la Sampdoria segue a quota 26
Giovanni Gaziano 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati